Ufologia e Misteri.it


Vai ai contenuti

1941 Missouri Crash

CASI CELEBRI > CASI CELEBRI II

1941 MISSOURI CRASH



E’ molto probabile che l’incidente di Roswell del 1947 non sia stato il primo caso di UFO crash avvenuto sul suolo statunitense. Esistono infatti forti indizi che un altro oggetto non identificato si sia schiantato in Missouri ben 6 anni prima.

L’incidente sarebbe avvenuto nella primavera del 1941, a circa 15 miglia da Cape Girardeau. Il primo ad investigare il caso fu il compianto Leonard Stringfield, un pioniere degli studi sugli UFO crashes, il quale ne diede notizia nel 1991 in “UFO Crash/Retrievals: The Inner Sanctum, Status Report VI”.

Il primo testimone individuato da Stringfield è stato Charlette Mann che ha raccontato come suo nonno, il Reverendo William Huffman, fu chiamato sulla scena di un ufo-crash per benedire i tre piloti non umani morti a causa dell’impatto.

Secondo quanto riferito dalla Mann a Stringfield, William Huffman venne chiamato, in una notte della primavera del 1941, dall’ufficio di Polizia locale che gli chiese di recarsi sul luogo di un incidente aereo avvenuto fuori città, per fornire assistenza religiosa ad eventuali vittime.

Una macchina passò a prelevarlo, ma, secondo la moglie del reverendo, non era un’auto di servizio della
polizia

Giunto sul sito dell’incidente, Huffman notò uno strano apparecchio di forma ellittica: “mio nonno l'aveva descritto come un piatto di metallo colorato senza giunture – ha affermato la Signora Mann - non aveva mai visto una cosa simile. La cosa che lo colpì di più furono dei segni simili a geroglifici egiziani che ricoprivano parte delle pareti interne dell'abitacolo. C'erano tre corpi sdraiati a terra…ma non erano umani. Due erano fuori dall'abitacolo ed il terzo gli diede l'impressione di essere sopravvissuto all'impatto. Erano avvolti in una lamina di alluminio increspata... sembrava il loro vestito. Sembravano non avere ossa, erano molli con dita molto lunghe”.

La descrizione degli esseri fatta dal reverendo Huffman ricorda fin nei minimi particolari quella degli alieni grigi che ricorrono spessissimo nella casistica ufologica : un metro/un metro e venti di altezza, corpi esili, teste molto grandi, occhi ovali ed allungati, buchi al posto di naso ed orecchie ed una fessura al posto della bocca.

Secondo la Mann, una foto scattata sul luogo dell'incidente fu data, pare da un certo Garland D.Fronabarger, al padre Guy Huffman. La foto raffigurava una delle creature trovate tra i rottami del disco, sostenuta per le braccia da due uomini in borghese (probabilmente agenti di polizia o militari). Guy Huffman diede a sua volta la foto ad un suo amico fotografo, di nome Walter Fisk, nel 1953/55,. Questi, a quanto pare, non restituì mai la fotografia .

Il ricercatore Stanton Friedman, dopo estenuanti ricerche, ha rintracciato il signor Fisk nel New Mexico, ma questi, stranamente, non risponde a telefonate e lettere.

DOCUMENTI A SOSTEGNO DELL'EVENTO

Esistono documenti ufficiali a sostegno di ufo crashes antesignani a quello di Roswell?

La prima prova in tal senso sembra essere un memorandum top secret del 1942, scritto dal Generale George Marshal e diretto al presidente Franklin Delano Roosvelt, relativo al famoso raid UFO su Los Angeles del 1942.

In quell’ occasione una navetta aliena a forma di disco fu illuminata dai fari dell’esercito e fatta oggetto di un nutrito tiro di artiglieria.

Nel memorandum segreto di Marshal si legge: “ riguardo al raid aereo su Los Angeles, è stato appreso dall’ Army G2 che l’ammiraglio Anderson…recuperò un aereo non identificato lungo la costa della California…il quartier generale è venuto alla determinazione che i misteriosi aeroplani non sono terrestri e, secondo fonti dell’intelligence sono molto probabilmente di origine interplanetaria”. Marshal prosegue affermando :“ di conseguenza ho ordinato all’esercito di creare una unità speciale per indagare ulteriormente il fenomeno e fare rapporto su ogni significativo collegamento tra i recenti incidenti e quelli raccolti dall’ufficio di coordinamento informazioni”. Il promemoria riporta il numero di protocollo dell’Ufficio del capo dello staff (Office of Chief of Staff-OCS), nonché la dicitura Interplanetary Phenomenon Unit" (IPU) (Unità Fenomeni Interplanetari) in alto, aggiunta successivamente con una diversa macchina da scrivere.

E’ molto probabile che l’Unità Fenomeni interplanetari fu creata con questo ordine.

Vi è anche un documento dell’FBI in cui Edgar Hoover fa riferimento ad un crash antecedente a quello più famoso di Roswell.

---




Torna ai contenuti | Torna al menu