Ufologia e Misteri.it


Vai ai contenuti

Arecibo

U.F.O

ARECIBO



Nel 1974 il radiotelescopio di Arecibo trasmise nello spazio, in direzione dell'ammasso di stelle M13 (nella costellazione di Ercole) un messaggio, ideato da Frank Drake. Si trattava di un semplice schema di 73 righe, per un totale di 23 punti. Entrambi numeri primi, quindi facilmente percepibili da un'intelligenza aliena, considerando il fatto che la matematica e la geometria sono delle scienze "universali". Il messaggio venne mandato per tre minuti in una banda compresa tra due frequenze intorno ai 2.380 MHz.

Nel 2000 comparve nel campo di Chilbolton, in Inghilterra, un interessante pittogramma, cui interpretazione fu data l'anno dopo, quando nello stesso campo, comparvero a distanza di solo quattro giorni due tra i più enigmatici agroglifi della storia, precisamente il 16 agosto ed il 20 agosto 2001. Infatti, nella parte bassa del messaggio del 20 agosto è raffigurato un oggetto molto simile a quello rappresentato nello stesso luogo l'anno prima, ovvero un probabile radiotelescopio alieno. Tra l'altro, questi pittogrammi comparvero in un campo adiacente un altro telescopio radioastronomico recintato e sorvegliato da telecamere a circuito chiuso che, naturalmente, non filmarono niente di anomalo.

Tra l'altro, questi due disegni nel grano sorsero a soli quattro giorni dalla "madre di tutti i crop circles", quello ai piedi della Milk Hill formato da più di 400 cerchi su 90.000 mq, sorto in una notte molto piovosa! ( Il pittogramma del 16 agosto rappresenta un viso, forse alieno). Mentre quello del 20 agosto è la "risposta" al messaggio di Arecibo, mandato il 16 novembre 1974 nello spazio. Risulta difficile pensare ad una burla, perché gli autori in questione, chiunque essi siano, devono per forza conoscere il linguaggio binario, essere matematici e biologi. Per questo, l'"ipotesi aliena" sembra, per ora, la più probabile. Secondo i dati riportati in questa "risposta", questi alieni vivrebbero in un sistema solare simile al nostro, formato da nove pianeti, di cui tre abitati. Tant'è che alcuni hanno supposto potersi trattare proprio del nostro stesso Sistema Solare. In tal caso i tre pianeti abitati, indicati dalla "risposta" sarebbero la Terra, Marte (infatti di recente è stata scoperta l'acqua ghiacciata ai poli e forse anche dei microrganismi) e Giove, con le sue lune, specialmente Europa, Io, Ganimede e Callisto (sui quali è stata riscontrata, ancora, la presenza di acqua ghiacciata).

Qui sotto, il confronto tra il messaggio di Arecibo (1974) e quello di Chilbolton (2001).



---


Il messaggio di Arecibo è un messaggio radio trasmesso nello spazio alla cerimonia di inaugurazione del radiotelescopio di Arecibo il 16 novembre 1974. È stato indirizzato verso l'ammasso globulare di Ercole M13, a 25.000 anni luce di distanza. Il messaggio è composto da 1679 cifre binarie, numero appositamente scelto in quanto prodotto di due numeri primi (23 e 73). In questo modo, presupponendo che chiunque lo riceva decida di ordinarlo in un quadrilatero, potrà farlo soltanto ordinandolo in 23 righe e 73 colonne o 73 righe e 23 colonne. L'informazione così sistemata nella prima disposizione (23 righe, 73 colonne) produce un disegno senza senso, ma nel secondo modo (73 righe, 23 colonne) forma un'immagine nella quale si possono riconoscere delle informazioni (crittogramma di Drake).

Leggendo da sinistra a destra e dall'alto al basso, mostra le seguenti informazioni :

* i numeri da uno (1) a dieci (10);
* i numeri atomici degli elementi idrogeno, carbonio, azoto, ossigeno e fosforo;
* la formula degli zuccheri e basi dei nucleotidi dell'acido desossiribonucleico (DNA);
* il numero dei nucleotidi nel DNA;
* una rappresentazione grafica della doppia elica del DNA;
* una rappresentazione grafica di un uomo e le dimensioni (altezza fisica) di un uomo medio;
* la popolazione della Terra;
* una rappresentazione grafica del sistema solare;
* una rappresentazione grafica del radiotelescopio di Arecibo e le dimensioni dell'antenna trasmittente.

Siccome il messaggio impiegherà 25.000 anni per raggiungere la sua destinazione (oltre a ulteriori 25.000 anni per una eventuale risposta) il messaggio di Arecibo è più una dimostrazione delle conquiste tecnologiche raggiunte dal genere umano che un reale tentativo di tenere una conversazione con una razza aliena.
Il messaggio è stato ideato dal Dr. Frank Drake (all'epoca docente alla Cornell University e creatore della famosa equazione di Drake) con l'aiuto tra gli altri di Carl Sagan

Home



Torna ai contenuti | Torna al menu